Home

 

SOCIETA' DELL'INFORMAZIONE

Altro concetto che compare costantemente sui giornali o alla televisione, la nascita e lo sviluppo della società dell'informazione richiama a un cambiamento forte che sta investendo tutta la società, e anche il mercato del lavoro.
In tutti i comparti economici sta acquistando sempre più valore una materia prima "immateriale" che è l'informazione. Semplificando molto, le aziende hanno necessità di conoscere il proprio mercato, la concorrenza, i clienti potenziali e le loro esigenze, tanto quanto hanno bisogno dei macchinari e delle materie prime da lavorare. E allo stesso modo hanno necessità di tradurre in informazioni leggibili i dati che hanno origine dalla loro attività: costi, margini, quantità di pezzi venduti, luoghi di vendita, tipologie degli acquirenti. Sono informazioni che poi determinano le scelte di marketing, le campagne pubblicitarie, il tipo di comunicazione da fare sui prodotti, la scelta dei mezzi per fare comunicazione aziendale.
E così si apre un grande spazio per società che operano per la ricerca, il trattamento, l'interpretazione di dati e informazioni, e per la comunicazione di questi dati e informazioni. La svolta si è avuta con il diffondersi delle nuove tecnologie, che non solo hanno modificato il modo di produrre, ma anche i processi a valle, la commercializzazione, la vendita, l'ingresso nei nuovi mercati, le modalità di acquisire nuovi clienti.
Ogni settore economico ha una sua specificità, ma nessun settore può fare a meno di questa nuova materia prima. E così ogni professione ha una sua quota di tempo dedicata all'attività informativa.
A titolo di esempio, si pensi a un sito Internet di un'azienda, che pubblicizza i prodotti, informa i clienti delle novità e dei prezzi, consente di fare l'ordine. E insieme all'ordine magari di inviare una mail in cui si richiede se il tale prodotto esiste in un certo colore. O con certe caratteristiche. Si organizza una mailing list di potenziali clienti, da avvertire quando esce un nuovo prodotto, magari studiato per rispondere ad esigenze di cui non si sospettava neppure l'esistenza. Oppure si apre un servizio di assistenza al cliente on line. Il flusso di informazioni nei due sensi è continuo, in tempo reale, senza confini territoriali. E per far questo l'azienda ha bisogno di un web master, di un server, di persone che gestiscono le informazioni: nuovi strumenti e nuove professionalità.

Ritorna