Home

 

IL SETTORE NO PROFIT

Cooperative, societÓ di servizi, enti culturali, associazioni, fondazioni rientrano nel settore no profit, in grande espansione nel nostro paese. Questo tipo di imprenditoria si differenzia da quello "classico" perché le societÓ non hanno come scopo quello di fare utili, e se ne producono devono riinvestirli nell'impresa.
I soci si trovano quindi in una posizione differente dai soci delle societÓ di capitali, ma le persone che vi lavorano sono in una posizione molto simile a quella dei lavoratori di una normale impresa. Comunemente si tende ad associare al no profit l'esperienza del volontariato, ma la cosa non Ŕ automatica. Proprio perché questo settore Ŕ in grande espansione, in molti corsi di laurea di economia sono stati attivati insegnamenti o indirizzi specifici, volti a formare quadri manageriali in grado di gestire questo tipo di imprese, conoscendone le problematiche.
Per alcune professioni o forniture di servizi, la costituzione di societÓ no profit consente di lavorare con gli enti pubblici, attraverso la stipula di convenzioni. E' il caso ad esempio degli educatori, dei formatori, degli psicologi, degli esperti all'orientamento, che possono gestire strutture o servizi pubblici, non pi¨ come dipendenti diretti dell'ente, ma attraverso un contratto firmato tra la societÓ e l'ente stesso. Per le caratteristiche di queste societÓ, il campo di intervento Ŕ sovente il "sociale".

Ritorna